MODENA E MONTEFIORINO

programma-gita

Il Duomo di Modena è un esempio unico e inestimabile di arte romanica e dal 1997 è Patrimonio Mondiale dell’Umanità, insieme alla torre civica Ghirlandina e all’adiacente Piazza Grande. Costruito per volontà del comitato dei cittadini, formato dagli esponenti delle classi sociali più abbienti, per affermare i valori della comunità modenese del tempo,fu progettato dall’architetto Lanfranco che insieme allo scultore Wiligelmo realizzarono un’opera sorprendente per la sua straordinaria bellezza e particolarità. È considerata “la casa di San Geminiano” poiché è stato realizzato anche per custodire le spoglie del santo, vescovo e patrono della città, morto nel 397. La prima pietra per la sua realizzazione fu posata il 9 giugno del 1099. I lavori, per i quali si utilizzarono materiali recuperati da edifici della Mutina romana, durarono dal 1099 al 1106, anno in cui le reliquie del santo furono collocate nella cripta.
https://www.ilturista.info/ugc/info/da_visitare/1606-Il_Duomo_di_Modena_la_sua_storia_e_cosa_vedere/

La “Repubblica di Montefiorino” del giugno-luglio 1944 è una delle prime e più importanti esperienze di zona liberata dal nazifascimo…
Visita virtuale in 3D del museo della Repubblica di Montefiorino:
http://www.resistenzamontefiorino.it/virtual/ita/index.html

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter

La medicina del XXI secolo, dott. Filippo Rossignoli

Oggi l’Università Popolare di Lavagno ha organizzato una interessantissima conferenza tenuta dal dott. Filippo Rossignoli, ricercatore presso l’Università di Modena, sul tema “Dalle staminali all’organismo: la medicina del XXI secolo”. 20170504_154615Le cellule sono la componente fondamentale dell’organismo umano. Tra esse, i gameti (ovociti e spermatozoi) e le cellule staminali giocano un ruolo fondamentale in quanto depositarie della capacità straordinaria di generare e rigenerare tessuti e organi. Negli ultimi decenni, il loro studio approfondito ha permesso di capirne alcune dinamiche fondamentali con l’ambizioso obiettivo di curare condizioni e patologie per le quali le terapie tradizionali non sono risultate efficaci.

Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Tweet about this on Twitter